in

Intervista di uscita della stagione 13 di RuPaul’s Drag Race: Joey Jay

Ogni settimana, lo scrittore di NYLON Michael Cuby condurrà un’intervista d’uscita con la regina eliminata dalla stagione 13 della Drag Race di RuPaul. Questa settimana, Tamisha Iman è stato invitato a sashay.

Nessuna regina ha avuto una storia più avvincente nella stagione 13 di RuPaul’s Drag Race di Tamisha Iman, che era stata originariamente scelta per la dodicesima uscita dello spettacolo ma ha dovuto ritirarsi all’ultimo minuto dopo aver ricevuto una diagnosi di cancro al colon in stadio 3. Ma nel disperato tentativo di sfruttare questa opportunità irripetibile, Tamisha ha combattuto con le unghie e con i denti per tornare, sottoponendosi alla chemioterapia per un pieno recupero, il tutto prima di iniziare la produzione per la stagione successiva.

Ma anche senza il tragico retroscena del superamento del cancro, Tamisha Iman sarebbe stata una delle regine più interessanti ad aver mai abbellito questo spettacolo. A 49 anni, la regina di Atlanta è stata una delle regine più anziane a competere (seconda solo a Charlie Hides), ma non lo sapresti mai per l’elevata energia che portava a ogni esibizione. Il destinatario di tre titoli nazionali di spettacolo di drag queen e l’orgogliosa madre di quasi 100 figlie drag (così come diversi bambini biologici), Tamisha è una vera leggenda dell’arte – e durante il suo tempo nello spettacolo, era sicura di comandare il rispetto che qualcuno della sua statura merita.

Per la maggior parte, questo rispetto è stato dato sia dai colleghi concorrenti che dai giudici. È stata regolarmente elogiata sulla passerella per i suoi abiti autoprodotti e sgorgata nel backstage dai concorrenti che hanno seguito volentieri i suoi utilissimi consigli di vita. Sfortunatamente, questa buona volontà non è durata. Durante la sfida Disco-mentaria della scorsa settimana, i giudici l’hanno criticata per non essere pienamente nel momento, sostenendo che è stata offuscata dal suo partner di ballo Elliot With 2 Ts. Alla fine, è atterrata in fondo accanto alla sua nemesi di una volta Kandy Muse, e dopo una battaglia senza esclusione di colpi con “Hit ‘Em Up Style (Oops!)” Di Blu Cantrell, la leggendaria regina è stata spedita a casa. Ma non prima di aver offerto una delle più graziose uscite Drag Race la sua storia.

Prima della sua eliminazione, NYLON è saltata al telefono con la leggendaria Tamisha Iman per parlare della sua eliminazione, del perché la pensa Untucked combattere con Kandy Muse è degno di un Emmy, gareggia in uno spettacolo mesi dopo essersi ripreso dal cancro, come si sentono i suoi figli biologici riguardo alla sua resistenza e perché abbraccia il ruolo di matriarca – nella sua vita e nello spettacolo.

Con parole tue, cosa pensi sia andato storto prima della tua eliminazione questa settimana?

Niente è andato storto! Non so perché mi stessero prendendo in giro. [laughs] Onestamente, davvero non lo so. So per certo che ho lasciato le mie pietre che avrebbero dovuto andare sul mio vestito nero. Ma a parte me che ho messo fuori un vestito nudo, non so cosa sia andato storto. Non posso dire Beh, era il mio ballo. Sono una ballerina, quindi … ballerò. Questo è ciò che faccio. Quindi non posso davvero dirlo.

Una delle più grandi lamentele da parte dei giudici era che sembrava che fossi nella tua testa durante la performance, ma nessuno sembrava accennare al fatto che tu ed Elliott avevate l’ulteriore fardello di roteare hula-hoop. Pensi che avere a che fare con quell’oggetto extra abbia avuto un ruolo nel portarti fuori dal momento?

No, penso che i giudici mi stessero prendendo in giro perché [they knew what I was capable of]. Se torni indietro e guardi la storia di Tamisha, ho fatto roteare manganelli, bandiere, stelle filanti. Ho anche fatto hula-hoop prima d’ora. Non era fuori dal mio regno. Erano solo loro a conoscere le mie capacità. L’unica cosa che i giudici non sapevano – e non l’ho detto a nessuno – riguardava la mia situazione di salute. Quindi le aspettative di Tamisha Iman? Lo capisco e lo rispetto con tutto il cuore, perché una volta costruita la tua reputazione, è tutto ciò che le persone devono andare avanti. Se non ti presenti come le persone ti hanno visto presentarti e non fai sapere cosa sta succedendo o perché non sei in grado di produrre in quel modo [anymore], quindi le loro ipotesi sono corrette.

Parlando delle tue cose sulla salute, hai aperto il primo episodio sul fatto che eri stato scelto nella stagione 12 ma dovevi ritirarti perché hai scoperto di avere il cancro. Com’è stato il tuo processo di recupero e ti ha spaventato entrare in un ambiente così impegnativo così presto dopo esserti ripreso da una condizione così mutevole?

Questa è la cosa quando si trattava di fare quelle scelte: questo è quello che facciamo regolarmente. Voglio dire, sì, lo è Drag Race ed è una competizione. Ma come intrattenitori, siamo su e giù ogni giorno, viaggiamo e ci guadagniamo da vivere. C’è così tanto stress sul corpo quando ci si esibisce in questa città questa notte e quella città, quella notte. Ho regnato come detentore del titolo nazionale così tante volte al punto che il mio corpo è stato condizionato. Quindi mentalmente, penso che fossi sul pilota automatico. Entrando nella competizione e sapendo che sarebbe stato molto stress, fisicamente, lo stavo gestendo abbastanza bene. Ma il fatto è che finché ho le mie cinque ore di riposo, sto bene. Tuttavia, negli ultimi due giorni di riprese, ci sono state alcune lunghe ore e fisicamente mi è costato molto.

Hai parlato del cancro, ma hai scelto di non parlare alla gente della sacca per stomia che portavi sullo stomaco. Perché parlare dell’uno ma non dell’altro?

Bene, la borsa è stata una decisione così personale. Era la vita e la morte. Se non avessi ricevuto la borsa, sarei morto. Quindi, quindi, ho considerato la sacca per stomia come un ostacolo per me, personalmente. Non l’ho detto a nessuno perché [though] Posso essere la persona più empatica del mondo, non so come gestirlo a modo mio. Posso amarti e supportarti, ma sono abituata a essere sempre la matriarca. Non ho mai voluto essere quella madre che portano i bambini. Volevo essere sempre il genitore che trasporta i bambini.

Questa era la mia mentalità, quindi non volevo renderla pubblica perché non volevo che nessuno si sentisse dispiaciuto per me. Volevo mostrare alle ragazze che ero all’altezza per continuare a combattere con loro, se necessario. L’unico motivo per cui ho deciso di farlo sapere era che sapevo che ci sono altre persone là fuori che guardano questo film che si trovano nella mia situazione. Capisco che siamo limitati quando ci viene data una certa mano, ma ho preso quelle limitazioni e le ho completamente buttate fuori dalla finestra. [I wanted those people to see that] se posso farlo, puoi farlo in sicurezza e goderti la vita e realizzare tutto ciò che ti sei prefissato.

Data la tua storia come madre drag di molti, molti bambini drag, ti sei sempre aspettato di cadere in questo ruolo di figura materna nella Werk Room?

Sempre! Quando hai a che fare con ragazze drag che sono più giovani di te, tutti hanno bisogno di una guida e io ho sempre voluto esserlo [figure from the] vecchia generazione che torna indietro e ha una conversazione con te e ti racconta la storia. Tutti vogliono essere accettati dalla vecchia generazione e il modo in cui le ragazze mi hanno accolto è stato fantastico. Ad esempio, Kahmora Hall è diventata una delle mie figlie. È un’aggiunta al mio clan, solo perché ha bisogno di essere guidata. Penso che Kahmora abbia una bellissima carriera in questo settore e sono così onorato che mi abbia contattato per il mentoring, perché tutti non hanno le risposte. A volte, hai solo bisogno delle persone giuste per dirti: “Non girare a sinistra. Girare a destra.”

In retrospettiva, come ti senti riguardo al Untucked litigare con Kandy Muse della scorsa settimana?

Penso che sia stato vincitore di un Emmy! Non vedo l’ora di avere il mio! [laughs] Ma io difendo tutto quello che è successo perché questa è la vera estetica del drag nello spogliatoio. Hai quei combattimenti ad eliminazione diretta, ma combattono solo per il momento. Voglio dire, l’ho elaborato in questo modo e sono sicuro che anche Kandy l’ha elaborato in questo modo. Va bene. Quando sei nello spogliatoio, le ragazze ci entrano sempre. Può andare oltre. Sicuramente può. Tuttavia, è come, non restare arrabbiato, trascina. Tutti hanno un ego più grande della persona successiva, e spesso, ci vogliono confronti del genere perché qualcuno dica: “Sai cosa, ragazza, mi stavo davvero comportando così? Dovevo andare lì? ” Alcune situazioni devono accadere affinché le persone si sviluppino e crescano. Quello era solo uno di loro.

Avanti veloce a questa settimana, come ti sei sentito a venirne fuori solo per rendersi conto che saresti stato in sintonia con questa persona con cui avevi appena litigato?

Come intrattenitore, fai il tuo lavoro. Non l’ho presa sul personale. Immagino perché sono più vecchio. Ho sempre confronti con le persone e saremo nello stesso spettacolo. L’intrattenimento non è mai stato [hard in those situations]. Questa è una seconda natura per me. Quindi io e Kandy dobbiamo lottare, prima di tutto, è stato strano e sarebbe stata una buona TV. Ma alla fine della giornata, sapevamo che qualcuno sarebbe rimasto e qualcuno doveva andarsene.

In arrivo Drag Race ti ha permesso di presentare il tuo lavoro, che è leggendario, a una generazione completamente nuova. Quando è stata presentata per la prima volta la stagione, il tuo Numero di Miss National 1996 è diventato virale su Twitter. Quindi, ovviamente, devi parlare del file numero leggendario di Wonder Woman da tua figlia, Tandi Iman Dupree. Ti è stata data questa incredibile piattaforma. Come ci si sente a far luce su questi enormi numeri passati e presentare una nuova generazione di fan del drag a questi momenti leggendari di decenni fa?

Per me è fantastico. Dico sempre alla gente: trascinare non era un hobby. Non è stata una cosa unica. io fatto questa è la mia scelta di carriera. Ho avuto molti lavori che mi sono piaciuti, ma questo è quello che mi piace amato. Essere in grado di esserci e farlo per 30 anni è stato fantastico, ma era un vuoto. Dopo aver costruito questo corpo di lavoro per 30 anni, per avere solo la mia comunità in grado di testimoniare e sperimentare la mia grandezza, non mi sono sentito realizzato. Non mi sentivo completo.

Andare nello show ed essere ricevuto dal mondo come me è stato fantastico – come niente che mi sarei mai aspettato in un milione di anni. Mi sento così riconoscente. Se il mondo ha potuto vedere il mio lavoro e goderselo, anche solo per un momento, sento che nessuno dei miei lavori è stato vano, che fosse 30 anni fa, 20 anni fa o qualunque cosa sia. Anche con i miei figli. Tandi era solo una delle tante star della mia dinastia. Si è trovata nel posto giusto al momento giusto e per lei ha brillato. Ma tutti i miei bambini sono così talentuosi. Così Drag Race è stato un viaggio fantastico per me. Ha consolidato la mia eredità, quindi sono umilmente grato.

Sei stato elogiato per tutta la stagione per aver realizzato tutti i tuoi splendidi capi. Ma nell’ultimo episodio, per la sfida con la palla, sei atterrato vicino al fondo per qualcosa che hai creato. Dopo settimane in cui RuPaul e i giudici hanno parlato di tutto ciò che hai fatto, come ti sei sentito ad arrivare a una vera sfida di design e ottenere l’opposto di quella lode?

È la vita. Provo a vivere [the idea that] Non posso lasciare che le tue parole influenzino la mia vita perché non saranno sempre buone. Sono la migliore rappresentazione di me stesso in qualsiasi momento. Quindi se dici qualcosa di negativo su di me o qualcosa con cui non sono d’accordo, devo accettarlo. Ho dovuto farlo molto tempo fa. Quindi non mi ha infastidito. Nella vita, hai i tuoi momenti – hai i tuoi momenti di rottura, hai i tuoi momenti noiosi, hai il tuo “Sto solo esistendo“Momenti. È stato solo un momento. Non mi ha definito un designer, non mi ha definito una persona trascinante. È proprio quello che è successo in quel momento. Avremo molti altri momenti insieme.

Hai figli veri e hai persino preso il tuo nome da dragone da tua figlia. Come è stata la risposta ora che ti vedono competere su un palcoscenico così grande?

Per i miei figli, quando si trattava di trascinare, ho sempre separato Tamisha dal padre. Pertanto, non ho mai davvero messo Tamisha in faccia. Quindi stanno praticamente imbavagliando adesso. Dicono, “Hai un personaggio completamente diverso di cui non sappiamo nulla!” Volevo presentare loro quella parte rispettosamente, ma non c’è mai stato un momento perfetto. Quindi su questa particolare piattaforma e su questa scala, ha funzionato. Sono così eccitati che a tutti piace il loro papà-mamma.

Questa intervista è stata modificata e condensata per chiarezza.